Le Catacombe di Pretestato

Praetextatus3 (520 x 472)

Tra la Valle della Caffarella e la via Appia Antica sorge un complesso catacombale che prende il nome di Pretestato.

Su Pretestato  non si sa nulla; è forse da identificare con un proprietario del terreno o con un toponimo preesistente.

La catacomba fu scavata nel sito del Triopeion, vasta area oggi occupata dal complesso di Massenzio, dal Mausoleo di Cecilia Metella e in parte dalla valle della Caffarella,  di proprietà di Erode Attico. Illustre personaggio di origine ateniese, filosofo, letterato, precettore degli imperatori Marco Aurelio e Lucio Vero.

Alla sua morte (177 d. Cr.) il vasto possedimento fu integrato al demanio imperiale e poi utilizzato come luogo di sepoltura di personaggi di alto rango.

Ad un’origine idraulica  è forse da attribuire la cosiddetta Spelunca Magna, una lunga galleria (circa 100 m per 2 m di larghezza) con ingresso in piano e brevi diramazioni, anteriore alla catacomba e che ne costituirà un asse portante.

Nella catacomba che si sviluppa globalmente su tre livelli, sono stati identificati tre nuclei certamente precostantiniani, in seguito i tre nuclei primitivi conobbero fasi di approfondimento e di espansione con regioni diverse. Analogamente ad altre catacombe, anche in quella di Pretestato sono diversi i martiri ed i santi ricordati e celebrati. Nel sopraterra, in due distinte basiliche, oggi scomparse vennero commemorati i santi Tiburzio, Valeriano, Massimo e Zenone.

Nella spelunca magna poi erano disposte quattro stazioni devozionali, ove erano stati sepolti cinque martiri: il vescovo Urbano, Felicissimo e Agapito   e Gennaro.

Scavi sistematici condotti, tra il 1847 e il 1872, da Giovanni Battista de Rossi portarono non solo la scoperta della catacomba, ma alla sua identificazione con quella di Pretestato.

Scopriamone i suoi segreti insieme…

Apertura riservata per gli amici di Romaintour

N. B. Il sito  è sotto la custodia della Pontificia Commissione di Archeologia

Solitamente chiuso al pubblico. Eccezionalmente è concessa l’apertura su richiesta che prevede la presenza di un fossore. La visita sarà a cura di uno studioso della Pontificia commisione di Archeologia Sacra

All’interno dell’area non è consentito fare fotografie o riprese video, sarà necessario munirsi di una torcia e indossare scarpe comode, se necessario vestirsi a strati

La visita è a numero chiuso max 18 partecipanti e la conferma di partecipazione dovrà pervenire entro e non oltre il 20 febbraio

Si sconsiglia la visita a chi soffre di claustrofobia ed ai bambini in età prescolare…

Informazioni di visita:

 Data: Sabato  27  Febbraio 2016,

Appuntamento: ore 15.45 in via Appia Pignatelli, 11

Inizio visita: L’inizio della visita è previsto 15 minuti ca. dopo l’orario di appuntamento, permettendoci di svolgere le consuetudinarie pratiche dell’accoglienza

Durata di visita: 2 ore ca.

Visita guidata: € 20.00 (costo stabilito dalla Pontificia Commissione di archeologia che comprende l’ingresso ad apertura straordinaria del sito, la presenza del custode e la visita guidata), il pagamento dovrà essere effettuato anticipatamente via bonifico entro e non oltre il 20 febbraio.

Chi dovesse rinunciare alla visita in extremis nonostante il pagamento anticipato perderà comunque la quota versata

Indirizzo: via Appia Pignatelli, 11. Si consiglia di posteggiare per chi venisse in auto al vicolo di S. Urbano e poi procedere a piedi sull’Appia Pignatelli. Oppure prendere l’autobus 118 e scendere alla biforcazione con l’Appia Antica

 Sarà rilasciato materiale informativo ai fini della comprensione dell’itinerario culturale

Questa voce è stata pubblicata in Tour speciali. Contrassegna il permalink.

Richiedi subito maggiori Informazioni

Tel. 338.5832371


Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio (richiesto)

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali

Pagina Facebook